Glossario

A.N.I.A.

Scopri cos'è A.N.I.A.

A.N.I.A è l'Associazione fra le imprese assicuratrici operanti in Italia. L'Associazione ha il compito di tutelare gli interessi della categoria nei confronti di qualsiasi amministrazione o attività pubblica, di provvedere al regolamento collettivo dei rapporti di lavoro, di svolgere ogni opportuna azione per diffondere una più ampia e approfondita conoscenza dell'industria assicurativa, di fornire in ogni sede una assidua assistenza ai soci.

Attestato di rischio

Scopri cos'è l'attestato di rischio.

L'attestato di rischio è un documento importante nella vita assicurativa del tuo veicolo.

Viene chiamato anche ATR ed è il documento che racconta la storia assicurativa di un determinato veicolo ed è quindi associato al Proprietario del veicolo stesso.

L'ATR deve sempre riportare il numero della polizza, la data di scadenza, la classe di merito di provenienza, la classe di merito di assegnazione, la classe di merito universale e il numero dei sinistri avvenuti negli ultimi 5 anni e pagati con responsabilità principale o paritaria.

In particolare, i sinistri con responsabilità principale sono quelli in cui è stata attribuita al conducente una responsabilità pari o superiore al 51%, mentre quelli con responsabilità paritaria sono quelli in cui la percentuale di responsabilità del conducente nella determinazione del sinistro è pari o inferiore al 50%. Per i sinistri con responsabilità paritaria deve essere indicata anche la percentuale di parità.

Per percentuali di parità cumulate inferiori al 51% non sarà applicato il malus e quindi la connessa penalizzazione della classe di merito.

Ciascuna compagnia ha l'obbligo di inviare l'attestazione sullo stato del rischio a ogni contraente almeno 30 giorni prima della scadenza del contratto.

Bonus Malus

Scopri cos'è e come funziona il Bonus Malus.

Bonus Malus è un tipo di forma tariffaria per la garanzia di Responsabilità Civile Auto R.C.A. che prevede una scala di classi di merito alle quali è assegnato il contratto. L'ISVAP(Istituto Nazionale per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private, denominata IVASS dal 01/01/2013) ha stabilito, per garantire una maggiore trasparenza e leggibilità delle tariffe offerte dalle varie Compagnie, una scala di classi univoca per tutte le compagnie, ferma la facoltà di ogni compagnia di creare una scala di classi personalizzata. La presenza di uno o più sinistri pagati in seguito al riconoscimento di una responsabilità principale causa l'aumento della classe di merito; mentre l'assenza di sinistri ne determina la diminuzione. I veicoli di nuova immatricolazione o di prima assicurazione dopo voltura, sono generalmente assegnati alla classe di merito CU 14.

Classe di merito (CU)

Scopri cos'è la classe di merito (CU).

La classe di merito è la misura del tuo livello di sinistrosità.

La classe di merito Bonus/Malus è un valore che viene attribuito a ciascun assicurato in funzione della propria sinistrosità. Al fine di comparare le polizze delle diverse compagnie, e favorire così la trasparenza e la concorrenza del mercato assicurativo, l'ISVAP nel 2005 ha previsto le classi di merito universali o CU.

Le classi di merito universali vanno dalla 1 alla 18 e in particolare la classe di merito aumenta con l'aumentare della rischiosità del cliente e quindi del numero di sinistri. Per semplicità possiamo immaginare che ciascuna classe costituisca un punteggio relativo alla sinistrosità del cliente, per cui i clienti in classe 1 sono i più virtuosi mentre quelli in classe 18 i più sinistrosi.

La determinazione del premio assicurativo dipende dalla classe di merito universale, in particolare dal coefficiente associato alla classe di merito di appartenenza. La classe di merito universale attribuita a coloro che si assicurano per la prima volta, senza usufruire della Legge Bersani, è la 14. Mentre nel caso in cui il Contraente non fornisca alla compagnia i documenti richiesti, sarà inserito nella classe 18.

Constatazione amichevole

Scopri cos'è la constatazione amichevole.

La constatazione amichevole è il modulo previsto dalla legge per denunciare il sinistro alla propria compagnia di assicurazione. Contiene tutti i dati relativi al sinistro, identificazione dei conducenti, dei veicoli, degli eventuali testimoni e feriti, nonché la dinamica del fatto. Qualora il modulo sia presentato a firma congiunta, si presume che il sinistro si sia presentato nelle circostanze, con le modalità e con le conseguenze descritte nel modulo stesso.

Contraente

Scopri chi è il contraente.

Persona (fisica o giuridica) che sottoscrive il Contratto (Polizza), assume l'onere di pagare il premio ed esercita i diritti derivanti dal Contratto.

Decorrenza

Scopri cos'è la decorrenza di una polizza.

La decorrenza della polizza assicurativa indica la data esatta a partire dalla quale la nuova assicurazione sarà valida. La copertura ha validità dalle ore 24:00 del giorno indicato in polizza. Se, ad esempio, il contraente desidera poter circolare con la nuova copertura dal 01/11/2015 dovrà indicare come data di decorrenza il 31/10/2015. Per evitare di circolare senza copertura, è sempre consigliabile scegliere come data di decorrenza della polizza la data coincidente con quella di scadenza della precedente polizza.

È utile ricordare che la copertura assicurativa non può essere retroattiva, quindi scegliere la giusta data di decorrenza è fondamentale per garantirsi la continuità assicurativa, ed evitare così il sequestro del mezzo e la relativa sanzione amministrativa.

Denuncia di sinistro

Scopri cos'è la denuncia di sinistro.

La denuncia di sinistro è la comunicazione dell'avvenuto sinistro che l'assicurato deve dare al proprio assicuratore o agente, entro tre giorni da quello del sinistro stesso o dal giorno in cui ne ha avuto conoscenza (art. 1913 c.c.). In caso di inadempimento doloso all'obbligo della denuncia di sinistro, l'assicurato perde il diritto all'indennità, mentre in caso di inadempimento colposo l’assicurato perde il diritto all’indennità in ragione del pregiudizio sofferto dall'assicuratore (art. 1915 c.c.).

Garanzie accessorie

Scopri cosa sono le garanzie accessorie.

Garanzie accessorie è un termine di uso comune utilizzato per definire estensioni di garanzia con o senza sovrappremio.

Quando si acquista una polizza, è possibile estendere la copertura RC, aggiungendo una o più garanzie accessorie. Mentre l'RC copre i danni causati a terzi, le garanzie accessorie tipicamente coprono i danni o il disagio subiti dall'assicurato stesso.

Noi proponiamo un'ampia offerta di garanzie accessorie con cui personalizzare la polizza, ti basta consulare l'articolo "garanzie e coperture" relativo ad ogni prodotto per scoprire quali sono.

Indennizzo o indennità

Scopri cos'è l'indennizzo o l'indennità.

L'indennizzo o indennità è la somma dovuta dall’assicuratore all'assicurato in caso di sinistro in forza di un rapporto diretto (contratto).

Infortunio

Scopri cos'è l'infortunio.

L'evento dovuto a causa fortuita, violenta ed esterna che produce lesioni fisiche obiettivamente constatabili, le quali abbiano per conseguenza la morte, un'invalidità permanente oppure un'inabilità temporanea.

Legge Bersani

Scopri cos'è la Legge Bersani e come fare per ereditare la classe di merito.

La legge n. 40 del 2 aprile del 2007, nota come Legge Bersani o Decreto Bersani dal nome del suo promotore, ha segnato un'importante svolta nel settore assicurativo. Grazie alla sua entrata in vigore, quando assicuri un veicolo (acquistato nuovo o usato) puoi ereditare la classe di merito maturata su un altro veicolo di tua proprietà o di proprietà di un familiare stabilmente convivente.

In quest'ultimo caso, per dimostrare l'effettiva appartenenza allo stesso nucleo familiare, sarà necessario inviare il proprio Stato di famiglia alla compagnia assicurativa.

Per poter usufruire dei vantaggi della Legge Bersani, quando si stipula una polizza è necessario rispettare tutte le seguenti condizioni:

  • Il proprietario del veicolo da assicurare deve coincidere con il proprietario del veicolo da cui si desidera ereditare la classe di merito oppure deve essere un familiare stabilmente convivente (devono essere presenti entrambi nello stesso Stato di Famiglia).
  • L'intestatario del veicolo da assicurare deve essere una persona fisica: le aziende sono infatti escluse dall'applicazione della Legge Bersani.
  • La classe di merito deve essere sempre trasferita tra veicoli che appartengono alla stessa tipologia: da auto ad auto, da moto a moto oppure da furgone a furgone. Non è possibile per esempio trasferire la classe di merito dalla propria auto alla moto.
  • La polizza da cui si intende ereditare la classe di merito deve essere attiva: non può essere né scaduta, né sospesa temporaneamente.
  • Possono ereditare la classe di merito solo i veicoli che vengono assicurati per la prima volta all'interno dello stesso nucleo familiare.

Massimale

Scopri cos'è il massimale.

Il massimale rappresenta il massimo risarcimento rimborsabile dalla compagnia per ciascun sinistro, indipendentemente dal numero delle vittime. Per i sinistri che provochino danni di importo superiore al massimale sarà il Proprietario a dover rispondere dei danni eccedenti l'importo del massimale.

Il decreto legislativo n 198 del 6 novembre 2007, previsto in attuazione della direttiva 2005/14/CE, ha innalzato il valore dei massimali, modificando quanto disposto dall'art 128 del Codice delle Assicurazioni. Il massimale minimo per legge così stabilito è fissato in 7 milioni di euro, ed è ripartito in 1,22 Milioni di euro per i danni alle cose e in 6,07 Milioni di euro per i danni alle persone.

Il Contraente sarà comunque libero di sottoscrivere una polizza con un massimale più ampio, dietro il pagamento di una lieve maggiorazione del premio, riuscendo così ad innalzare la soglia oltre la quale lui stesso deve rispondere dei danni provocati.

Premio assicurativo

Scopri cos'è il premio assicurativo.

Il premio assicurativo è la somma che il contraente è tenuto a pagare alla compagnia a fronte della cessione del rischio. Il rischio è la probabilità che si verifichi un evento dannoso nei confronti dell'assicurato ed è l'oggetto del contratto di assicurazione.

In particolare, nella garanzia RCA il premio corrisponde alla somma di denaro pagata dal contraente alla compagnia, che obbliga quest'ultima al pagamento dei danni causati dal veicolo assicurato, entro i massimali stabiliti.

Il premio è formato dalla somma del premio puro, dei caricamenti e delle imposte stabilite per Legge. Il premio viene determinato in base alla formula tariffaria Bonus/Malus e in particolare dipende dalla classe di merito in cui si trova il Contraente.

RCA

Scopri cos'è l'RCA.

L'assicurazione Rca (Responsabilità Civile Autoveicoli) è il contratto con cui una compagnia assicurativa, a fronte del pagamento di una tariffa (Premio), garantisce il risarcimento di eventuali danni causati a terzi dal veicolo assicurato.

L'art. 122 del Codice delle Assicurazioni prevede l'obbligo di assicurare i veicoli in circolazione su strade di uso pubblico o su aree a queste equiparate. L'obbligatorietà nasce dall'esigenza di garantire un giusto risarcimento ai soggetti danneggiati, indipendentemente dalle disponibilità economiche del responsabile di un sinistro.

Risarcimento

Scopri cos'è il risarcimento.

Il risarcimento è la somma pagata dall'assicurazione al terzo danneggiato a seguito di un sinistro coperto da una polizza di assicurazione.

Rischio

Scopri cos'è il rischio.

Il rischio è l'elemento fondamentale del contratto di assicurazione e indica la probabilità che si verifichi il sinistro (nonché l'entità del danno che ne può derivare), a cui si lega l'impegno della Compagnia assicuratrice a corrispondere la propria prestazione.

Rivalsa

Scopri cos'è la rivalsa.

La rivalsa è il diritto di una compagnia assicurativa di richiedere al contraente della polizza un risarcimento per i gli importi liquidati a causa di un sinistro, di cui l’assicurato è responsabile, qualora si riscontrino alcune condizioni particolari come:

  • guida in stato di ebbrezza
  • assunzione di sostanze stupefacenti
  • possesso di un documento di guida non valido del conducente
  • guida di un soggetto diverso dal conducente esclusivo indicato nella polizza

Sinistro

Scopri cos'è un sinistro.

Il sinistro è un evento dannoso per il quale è prestata l'Assicurazione, verificatosi nel tempo e nelle condizioni previste in polizza.

Terzi

Scopri cos'è il concetto di terzietà nell'ambito delle assicurazioni.

Nell'ambito delle assicurazioni Responsabilità Civile, il concetto "terzietà" (cioè essere terzi rispetto all’assicurato) è stato elaborato per escludere dall'assicurazione i danni subiti da persone legate all'assicurato stesso con vincoli particolari (coniugi, conviventi more uxorio, parenti, il locatario del veicolo ceduto in leasing, affini) con conseguenti rischi pregiudizievoli per il rapporto assicurativo originati da ragioni affettive e da una possibile confusione patrimoniale anche se di fatto e non di diritto. Nell’ambito dell’assicurazione obbligatoria R.C. Auto il legislatore ha provveduto a formulare l'elenco di coloro che 'non sono considerati terzi' e non hanno quindi diritto ai benefici derivanti dall'assicurazione stessa, includendo nel novero dei terzi esclusivamente per danni alla persona anche il coniuge,il convivente more uxorio, ascendenti e discendenti legittimi, naturali o adottivi, il locatario del veicolo ceduto in leasing, gli affiliati ed altri parenti, conviventi del proprietario o del conducente del veicolo assicurato per la Responsabilità Civile. (art. 129 Dlgs. 07/09/2005 n.209).